Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2013

Val Troncea, Bergerie del Meys, Sorgenti del Chisone, 28 luglio 2013

Immagine
Val Troncea, Bergerie del Meys, Sorgenti del Chisone.
Alla partenza la giornata non promette molto bene in quanto le nebbie sono fitte e abbastanza scure; a Pragelato presso la sede del Parco della Val Troncea ci dicono che verso le ore 11:00 è prevista pioggia.
Decidiamo di andare sino alle Bergerie del Meys 2.015 m. (o Alpe del Meys, anche Alpe del Mey) e poi vediamo; arrivati lì decidiamo di proseguire sul sentiero 319 che appena sotto al ponte passa sulla destra del Chisone (lato orografico sinistro) e sale con una buona pendenza su uno e più costoni di rocce; alla deviazione per il Col Clapis, si lascia il sentiero 319 e si prosegue sulla sinistra fino ad arrivare alle sorgenti del Chisone, ai piedi del Monte Barifreddo; secondo il cartello del parco siamo a 2.427 m. mentre secondo altre indicazioni a 2.650 m.; ne consegue quindi un differenza del dislivello percorso, nel primo caso 400 m. mentre nel secondo caso 635 m.; mi devo procurare una carta 1:25.000 per capire meglio ques…

Rifugio Jervis, Colle della Croce, 21 luglio 2013

Immagine
Villanova (1.225 m.) Rifugio Jervis, Colle della Croce (2.299), dislivello 1.070 m.
da Villanova si segue la mulattiera e per brevi tratti la strada in terra battuta sino al Rifugio Jervis; arrivati si passa oltre e dopo la Ciabota del Pra, a destra, si supera un piccolo torrente e si imbocca la mulattiera [115] che sale regolare ma ripida lungo il costone, lasciando sulla destra un piccolo ponte tibetano; arrivati sul costone si continua a salire nel vallone che porta al Colle della Croce, fino al confine con la Francia;
dal colle il sentiero scende sino a La Monta (1.649 m.) e successivamente a Ristolas (1.590 m.) e ad Abries posta tappa della GTA.
La giornata è stata molto bella e in cima al colle un'aria frizzante ci teneva compagnia; verso il versante francese tutto era più tranquillo, lì ci siamo fermati e lì è arrivato l'sms che Letizia è nata.
le foto

















ha ragione Sergio, questa canzone è bellissima ed è dedicata a Letizia



Un aeroplano a vela, di Gianmaria Testa (file .mp3…

Rifugio Melano, Casa Canada, monte Freidour, 20 luglio 2013

Immagine
Con il gruppo foto di Roure, Elena, Mauro, Gabriele e Federico due passi sino al Rifugio Melano - Casa Canada e una deviazione verso il Monte Freidour, 1.451 m., attraverso il Colle Sperina. Molto caldo, poche foto per me, spero un pò di più per gli altri. Nessuno era in parete, per non finire arrosto.




















Il Rifugio Melano - Casa Canada si è collegato al mondo, come potete vedere: trasferimento della linea telefonica, collegamento TV Sat, collegamento internet e pannello fotovoltaico; forse qualche pannello in più potrebbe servire, ma probabilmente non ne hanno bisogno.


Rifugio Selleries, 14 luglio 2013

Immagine
Una camminata al rifugio Selleries, 2.023 m. con partenza da Seleiraut, circa 500 m. di dislivello.
Per arrivare a Seleiraut si risale la Val Chisone lungo la S.R. 23 e arrivati a Villaretto prima di uscire dal suo centro abitato si gira a destra sulla piazza del paese e si seguono le indicazioni per le borgate Villaretto Superiore, Serre e Seleiraut; arrivati a Seleiraut e termina la strada che attraversa la borgata si imbocca il sentiero EPT 340 che attraversa le borgate Malzé, Ors e Grange Sors, a 1.710 m. dove è installata la centralina idroelettrica del rifugio e percorrendo una parte più ripida oltre tale quota si arriva al rifugio Selleries che si vede spuntare alla nostra sinistra.
La giornata non è stata splendida a causa della nebbia che ogni tanto andava e veniva, tipica del posto e di questo caldo periodo, ma in ogni caso il percorso è molto bello e vale la pena percorrerlo.
le foto



Fraisse, "Set Baciass", 7 luglio 2013

Immagine
Le previsioni del tempo avevano valutato una giornata coperta con possibile pioggia, ma nella realtà non è stato così, anche se in quota qualche nebbia si è vista; quindi partenza da Fraisse (località del comune di Usseax, Val Chisone, 1.421 m.) e per il sentiero verso sud che sale nel vallone di Serre della Gran Cote per 700 m. di dislivello abbiamo percorso una parte dell'anello della Larici-Cembreta (Fraisse / Soucheres Basses / Fraisse), sino a 2.120 metri, chiamato in questo modo per la presenza massiva di larici e pino cembro.
Il vecchio sentiero è particolarmente ripido ma quando si arriva nei pressi della Capanna Ambrogio (una casa di caccia) si apre uno stupendo pianoro che vale la pena di essere visto e che si affaccia sul versante nord del Monte Albergian (3.041 m.); la zona è anche conosciuta con il nome locale di "Set Baciass" per la presenza di sette tronchi scavati, sistemati uno dietro l'altro, che raccolgono l'acqua di una sorgente per consentire…