domenica 9 febbraio 2014

9 febbraio 2014, Colle di Lazzarà

Da Ruata di Pramollo a 1126 m. si segue il sentiero che va verso nord per il colle di Lazzarà che fa da spartiacque con la Val Chisone e Germanasca, a 1594 m.
In estate la prima parte del sentiero è una strada asfaltata, poi sterrata sino al colle.
Un posto sempre bello da andare;  le foto

Sul colle esistono le tracce di un campo trincerato realizzato dal Duca de La Feuillade, futuro Maresciallo di Francia, nell'estate del 1704 con il duplice obbiettivo di impedire il passaggio alle truppe del Duca di Savoia dalla Val Pellice verso la Val San Martino e stabilire una base d'appoggio per eventuali attacchi verso la valle di Luserna; ovviamente oggi non le abbiamo viste perchè coperte dalla neve.

Il campo venne abbandonato dalle truppe francesi alla fine di agosto dello stesso anno per un peggioramento delle condizioni atmosferiche.

Nel 1706 il Duca del La Feuillade, a capo dell'esercito francese in Italia nel corso della Guerra di successione spagnola, a trentatrè anni ambizioso e arrogante e con poca esperienza (così dicono i testi di storia) decise di attaccare la Cittadella di Torino.
L'Assedio di Torino durò centodiciassette giorni e l'impiego piemontese nelle gallerie di contromina, decimò i francesi. La battaglia del 7 settembre vide l'esercito francese soccombere sotto le armi congiunte di Vittorio Amedeo ed Eugenio di Savoia.



















Nessun commento:

Posta un commento

Sul questo blog tutti possono commentare ed esprimere liberamente la propria opinione;
i commenti sono moderati, pertanto si richiede soltanto buona educazione e l'indicazione alla fine del commento del proprio nome. Grazie !