mercoledì 9 dicembre 2015

Museo Archeologico Caburrum, Abbazia di Santa Maria, mostra fotografica di Augusto Cantamessa, Cavour

Con il Laboratorio di Fotografia Digitale dell'UniTre di Perosa Argentina visita al Museo Archeologico Caburrum, all'Abbazia Santa Maria di Cavour e alla mostra fotografica di Augusto Cantamessa dal titolo "Le ragioni di Newton".
Tali strutture fanno parte del Complesso Abbaziale situato nel Parco Naturale della Rocca di Cavour.

L’Abbazia (Benedettina) è stata fondata nel 1037; il Museo è stato inaugurato nel giugno 2008. Tutto il complesso Abbaziale è gestito dall'Associazione Culturale “Anno Mille”, costituita nel maggio 2014, a seguito dell'affidamento da parte del comune di Cavour.

La mostra fotografica di Augusto Cantamessa è ospitata presso la sala convegni dell'Abbazia di Santa Maria di Cavour e si compone di 60 fotografie rigorosamente in bianco e nero dagli anni cinquanta ad oggi. Le foto sono molto belle e stampate in modo perfetto con getto di inchiostro (inkjet) su carta fotografica centenaria di puro cotone.
E' incredibile come Cantamessa con i suoi 88 anni ha accolto e utilizza la tecnologia digitale.

Cantamessa è nato a Torino nel 1927 e attualmente vive a Bricherasio; sin da giovanissimo si interessa di fotografia; nel 1957 ottiene un riconoscimento della Fèdèration Internationale de l'Art Photographique di Berna per meriti fotografici; nel 1961 la Biblioteque Nationale di Parigi acquisisce una sua opera; partecipa a numerose mostre collettive e personali e alcune sue opere sono esposte presso la Keith De Lellis Gallery a New York.

Il pomeriggio è passato tra nebbia e sole e con la mia macchina foto ad ISO ridotti, ho avuto difficoltà a mantenere il fuoco e a non muovere; ho fatto quello che ho potuto.
le foto  il filmato  la storia


Nessun commento:

Posta un commento

Sul questo blog tutti possono commentare ed esprimere liberamente la propria opinione;
i commenti sono moderati, pertanto si richiede soltanto buona educazione e l'indicazione alla fine del commento del proprio nome. Grazie !