sabato 26 novembre 2016

alluvione 21 - 25 novembre 2016

Secondo l'analisi di Nimbus.it  tutte queste piogge sono state determinate da "Un prolungato episodio di sbarramento di venti umidi da Sud - SudEst (scirocco) ha determinato piogge intense e persistenti sul Nord-Ovest italiano tra lunedì 21 e il mattino di venerdì 25 novembre 2016, con effetti alluvionali tra il Ponente ligure e il Piemonte centro-meridionale. 
La presenza di un anticiclone sulla Russia ha impedito il rapido spostamento a Levante della depressione "Queenie" formatasi sull'Europa occidentale, contribuendo così allo stazionamento del flusso umido e piovoso per diversi giorni sulle stesse zone."

Certamente le condizioni meteo sono state eccezionali, oltre 300 mm. in 54 ore tra il 23 e il 25 novembre, ma normalmente l'acqua arriva dalla montagna; la montagna è totalmente dimenticata e abbandonata; la montagna è disabitata e nessuno fa più opera di manutenzione sul quel territorio; la montagna serve solo per passare il fine settimana e poi non interessa più a nessuno; ora questo è il risultato: il totale dissesto del nostro territorio.
Questa volta il torrente Chisone ha tenuto abbastanza, grazie ai lavori che sono stati fatti sugli argini dopo l'alluvione nel mese di ottobre del 2000. I grossi problemi sono stati determinati dai suoi affluenti, corsi d'acqua quasi inesistenti in certi casi e pieni d'acqua incontenibile in altri.

Per capire che cosa è successo è significativa questa immagine ricevuta dal satellite NOAA 19 giovedì 24 novembre 2016 alle ore 13.56 UTC dove si può notare in modo chiaro la perturbazione presente in quel momento sull'Italia.


Ho raggruppato alcune fotografie significative, non mie ma prese dalla rete, che evidenziano i danni nel territorio di Perosa Argentina e l'interruzione della strada per Prali, dopo il secondo paravalanghe prima di Villa. Per fortuna a Sestriere ha nevicato.

Questa settimana è stata complicata per raggiungere il posto di lavoro a causa dei problemi di viabilità. L'emergenza da questo punto di vista è stata gestita da schifo, non si capisce più chi sono i responsabili delle strade, a parte quelle comunali.
Percorrendo la strada regionale 23 nel tratto Perosa Argentina - Pinerolo non si capiva se si poteva passare, se si arrivava a Pinerolo, non c'era un cartello, al mattino presto non un segnale luminoso, nessuno della polizia, carabinieri, vigili urbani che ti potesse dare un'informazione, non un cane!
Ho solo visto al ponte di Malan a Porte, prima che chiudessero al traffico quel tratto,  una macchina della Finanza, ferma al suo lato.
Lo stesso ovviamente al ritorno. I tratti di strada chiusi lo erano con le bindelle plastificate di colore bianco/rosso che neanche si vedevano.
Per fortuna è andato tutto bene e sulle strade nessuno ci ha lasciato la pelle.

Hanno funzionato bene le reti radio di emergenza: Com Pinerolo, Protezione civile, comune e la rete radioamatoriale.

27 novembre 2016
Oggi ho fatto un giro e sono passato tra le borgate Chialme, Prageria, Rio Agrevo, Lubè, Saretto, Ciampiano e discesa per via Fratelli Caffer.
Alla borgata Rio Agrevo l'alluvione ha lasciato una devastazione enorme.













Nella discesa da Ciampiano attraverso via Fratelli Caffer ho pensato che non siamo tanto bravi a gestire le acque, ma siamo bravi ad elettrificare le vigne, per accessi involontari di ungulati e umani.
le altre poche foto con il telefono



Nessun commento:

Posta un commento

Sul questo blog tutti possono commentare ed esprimere liberamente la propria opinione;
i commenti sono moderati, pertanto si richiede soltanto buona educazione e l'indicazione alla fine del commento del proprio nome. Grazie !